antipasti
fingerfood
primi secondi insalate
contorni
lievitati dolci

lunedì 1 settembre 2014

Finanzieri al farro e cocco con frutta fresca

Vassoio rotondo di plastica Poloplast
Sotto dolci dorati Poloplast


Questo fantastico mignon (ricetta di Montersino) è un'alternativa ai cestini di frolla con crema e frutta, il risultato è sorprendente, un impasto morbido che profuma di cocco, una bagna al rum o con qualsiasi altro liquore (o una bagna analcolica per i bambini), ancora cocco, crema e frutta fresca... che bontà!!

Vassoio rotondo di plastica Poloplast
Sotto dolci dorati Poloplast



Finanzieri al farro e cocco con frutta fresca

Ingredienti per 60 bocconcini

Per i finanzieri:
200 gr di zucchero a velo
150 gr di albumi
150 gr di burro fuso
53 gr di cocco rapè ("farina di cocco")
53 gr di farina di mandorle 
50 gr di farina di farro (o normale farina di frumento)
15 gr di confettura di albicocche

Per la bagna al rum:
90 gr di acqua
20 gr di rum

Per la finitura:
q.b. di frutta fresca mista
q.b. di di gelatina neutra
125 gr di crema pasticcera

Per la crema pasticciera:
200 gr di latte intero
50 gr di panna (o altro latte)
75 gr di tuorli
75 gr di zucchero
9 gr di amido di mais
8 gr di amido di riso
1/3 di bacca di vaniglia


Procedimento

Per la crema pasticciera:
In una ciotola da microonde sbattere con una frusta i tuorli con lo zucchero, unire la polpa estratta dalla vaniglia e i due amidi, mescolare bene e unire il latte e la panna (freddi). Cuocere alla massima potenza per 2 minuti, aprire lo sportello, mescolare e proseguire fino a completo addensamento. Colare la crema su una pirofila, coprire con pellicola a contatto, raffreddare velocemente e poi riporre in frigorifero. (Ovviamente è una normale crema pasticcera e può essere cucinata al solito modo su pentolino e gas). 

Per la bagna:
A freddo mescolare l'acqua con lo zucchero liquido e il rum.

Per i finanzieri:
In un cutter frullare la farina di mandorle, lo zucchero a velo, il cocco rapè e la farina di farro. Aggiungere poco alla volta gli albumi, la confettura di albicocche e unire a filo quasi tutto il burro fuso con molta lentezza. Col resto del burro ungere lo stampo in silicone da 18 mini savarin rotondi. Usare subito il composto colandolo in un sac à poche tagliando poco la punta. Riempire lo stampo poco sopra i 3/4 (non crescerà molto). Spolverare con il cocco rapè. Cuocere in forno ventilato, già caldo, a 180°C per 13 minuti, spostare la teglia nella parte inferiore lasciando cuocere la base ancora un minuto. Far raffreddare molto bene, poi staccarli dallo stampo e posizionarli su una griglia poggiata su una teglia. 

Per la finitura:
Diluire leggermente la gelatina neutra con un goccino d'acqua in modo da renderla più fluida. Farla riposare qualche minuto, in modo che perda le bollicine. Inzuppare i mignon con la bagna al rum facendo due passate. Versare della confettura di fragole in un conetto di carta da forno e riempire il foro dei mignon. Gelatinare la superficie dei finanzieri, anche sulla confettura. Spolverare bene con il cocco rapè. Versare della crema pasticcera su un sac à poche con bocchetta a stella piccola e fare uno spuntoncino decorativo sopra i mignon. In questa fase il dolce può essere congelato. Farcire con 2 pezzi di mirtilli tagliati a metà o con 1 o 3 ribes o con spicchi di fragole e ribes o con 1 lampone intero.




Un pò di passaggi...

Stampo da 18 mini savarin rotondi Pavoni

14 commenti:

  1. belli e golosissimi! li mangerei tutti :-))

    RispondiElimina
  2. Wow Ylenia...bravissima come sempre, è un piacere poterti rileggere!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ma quanto sono belli?!?! Mitico Montersino che ci regala sempre delle piccole godurie come questi finanzieri! Ciao:)

    RispondiElimina
  4. ciao !!volevo chiederti se per preparare la crema con questo procedimento occorre il micro o posso prepararla nel pentolino sul gas?grazie in anticipo e complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nancy, puoi preparare tranquillamente la crema sul gas nel solito modo: sbatti i tuorli con zucchero e vaniglia, aggiungi i liquidi caldi e rimetti sul fuoco mescolando fino ad addensamento.

      Elimina
  5. Uaooo, Ylenia! Bravissima! Sono bellissimi! Li hai presi da un libro di Montersino? Se sì mi puoi dire quale? Li ho quasi tutti ma su quelli che ho a casa questa ricetta non la trovo... Grazie e complimenti! ;) un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta, grazie. Questi dolcetti non si trovano sui libri ma solo sul dvd n.13, se hai la raccolta puoi consultare quella.

      Elimina
  6. Sono venuti benissimo, ne prenderei volentieri uno, due, tre...peccato per il monitor del notebook uffi!!! Complimenti, un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Grazie ylenia!allora l'amido lo metto nei tuorli giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, prima tuorli, zucchero e vaniglia e poi amidi.

      Elimina
  8. Ciao, Ylenia! Stavo progettando di fare questi splendidi finanzieri (prima che finisca l'estate). Volevo chiederti un consiglio. Io ho del burro chiarificato in frigo (detto anche burro anidro) che avevo comprato per fare i tartufi al cioccolato ma non mi sento ancora pronta a temperare il cioccolato. 😱☺️ Potrei usare quello per i finanzieri? Dici che cambierebbe qualcosa? Perché sta per scadere e volevo "farlo andare", diciamo, per non buttarlo via. Ti ringrazio tantissimo. Complimenti per la passione e il blog che ne è riflesso. Grazie. Mille baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta, grazie per le belle parole, sei gentilissima.
      Il burro chiarificato puoi usarlo per questa preparazione ma è un pò uno spreco dato che costa un pò di più, sicura sicura che non vuoi provare i tartufini? Sono così buoni!! E se hai paura a fare il temperaggio fai semplicemente così: fondi il cioccolato in una ciotola e poggia questa ciotola su una ciotola più grande con acqua e ghiaccio, mescola continuamente il cioccolato con una spatola tenuta in mano, e con un termometro tenuto in un altra mano aspetta di arrivare alla temperatura richiesta dalla ricetta, è davvero semplicissimo.

      Elimina
  9. Va bene, proverò allora! ;D grazie mille, Ylenia. Un bacio.

    RispondiElimina