antipasti
fingerfood
primi secondi insalate
contorni
lievitati dolci

giovedì 17 marzo 2011

Bicchierini tricolore


Tanti auguri Italia, buon compleanno. Sii fiera degli anni che porti, certo qualche acciacco c'è ma questi 150 anni, tutto sommato, te li porti bene.
Se n'è parlato tanto, tantissimo, di questo 17 marzo e sono felice che alla fine sia prevalso il buon senso di festeggiarlo e ricordarci di quest'Italia, di quest'unione che a volte penso esista soltanto quando si giocano i Mondiali di Calcio.


I food blog riescono a tenere unita l'Italia, basta vedere le ricette delle varie regioni che convivono benissimo negli stessi spazi. Io per prima passo dai cannoli siciliani alle olive all'ascolana senza star lontana da un buon risotto alla milanese. Non è unità questa? ;)

Non c'è niente di meglio di un bel piatto di spaghetti con pomodoro e basilico o una bella pizza Margherita a indicare l'italianità a tavola, tricolore di tradizione e di colori. Ma fortunatamente verde, bianco e rosso in cucina predominano. I francesi e gli inglesi avranno molte più difficoltà di noi ;)

Volevo far un dolce tricolore ma non avevo la minima idea su cosa fare, sapevo solo che non volevo ricorrere ai coloranti e quindi la scelta è ricaduta su un dolce al cucchiaio a 3 strati. Ho unito un pò di cose e devo dire che alla fine il risultato è stato gradevole. Certo, se avessi livellato meglio gli strati sarebbe venuto esteticamente meglio questo dolce ma... meglio di niente!

Bicchierini tricolore 

Ingredienti per 12 bicchierini piccoli:

Per la pasta di amaretti e pistacchi (ho preso la ricetta della pasta di pistacchi da qui ) e l'ho personalizzata cambiando la quantità e unendo, per fare la base, gli amaretti sbriciolati.

62 gr di pistacchi
30 gr di zucchero a velo
15 gr di mandorle in polvere
1 goccia di estratto di mandorla amara
Poche gocce d'acqua
15 amaretti

Scottare per pochi secondi i pistacchi nell'acqua bollente, spellarli subito e tritarli nel mixer fino ad ottenere una granella piccola (non proprio polvere). Con lo stesso procedimento arrivare ad avere una polvere di mandorle.Versare la pappetta ottenuta in una ciotola e amalgamare insieme allo zucchero a velo, la polvere di mandorle, l'aroma e qualche goccia d'acqua, lavorare pressando con le dita fino a compattare il tutto. Il composto deve essere morbido da molto compatto, non troppo molle, quindi dosate proprio a gocce l'acqua.
Mettere da parte 30 gr di pasta. Usare il resto unendo gli amaretti sbriciolati e mescolare. Con questa base rivestire i fondi dei bicchierini per 1/3 pressando delicatamente per uniformare.


Per la mousse di pistacchio
(Ho preso la ricetta dal blog "Il dolce forno di Claudia") lei ha ottenuto una mousse verde perchè suppongo che la pasta al pistacchio era di tipo industriale e conteneva del colorante, a me, usata nella mousse, ha dato solo sapore e non colore, per questo ho deciso di usarla per fare lo strato bianco.

2 tuorli
200 ml di latte intero
60 gr di zucchero
30 gr di pasta di pistacchio
4 gr di gelatina (2 fogli)
150 ml di panna liquida

Mettere i fogli di gelatina in ammollo in una ciotola d'acqua fredda. Versare il latte in un pentolino e aggiungere la pasta al pistacchio, quindi mescolare e scaldare il tutto senza arrivare al bollore. Nel frattempo lavorare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e cremoso. Versare il altte bollente sulla crema di tuorli e mescolare. Rimettere il tutto nel pentolino cuocendo a fuoco basso senza far bollire la crema. Strizzare i fogli di gelatina e mescolarli al tutto. Mettere la crema su un'insalatiera e farla raffreddare. Aggiungere la panna semi montata (non deve essere troppo ferma) e mescolarla alla crema. Adesso è pronta per essere riempita nei bicchierini, arrivare a 2/3 lasciando lo spazio per l'ultimo strato. Mettere in frigo per rassodare.
Per la salsa di fragole (ho preso spunto dal procedimento di una ricetta del blog "I dolci di Pinella")
300 gr di fragole
10 gr di zucchero
4 gr di gelatina in fogli (colla di pesce)

Idratare i fogli di gelatina in acqua molto fredda. Nel frattempo frullare a lungo le fragole. Passare la purea ottenuta al setaccio raccogliendo il succo ottenuto in una ciotola. In un tegamino scaldare 1 cucchiaio di succo di fragole e scioglierci la gelatina, mescolare e unire al resto, mescolare nuovamente per amalgamare anche lo zucchero. Mettere la salsa ottenuta sopra la mousse al pistacchio ormai densa e stratificare delicatamente.









e con questo dessert partecipo alla raccolta "Ricetta per un'Italia Unita" organizzata dal blog "La cucina di Antonella" , che ha avuto un'ottima idea.

12 commenti:

  1. Anche se per te non è livellato bene....per me è bellissimo!!! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  2. dolcino veramente patriottico, bravissima!! ^__^

    RispondiElimina
  3. bellissimi questi bicchierini, Magali ed io non siamo molto nazionaliste! Baciotti

    RispondiElimina
  4. Bellissimi e golosissimi.


    ciao

    RispondiElimina
  5. sono bellissimi questi bicchierini tricolore, complimeti!!! baci baci

    RispondiElimina
  6. hai ragione quando dici che le ricette uniscono tutti gli italiani e io dico sempre che con i piedi sotto la tavola si ragiona meglio!!
    un bacione e complimentissimi per il tuo dolce!
    p.s.: a me sembra livellato bene...

    RispondiElimina
  7. cavoli!!!! sia questa ricetta che quelle dell'aperitivo tricolore sono bellissime!!!
    Complimenti davvero! ^_^

    RispondiElimina
  8. BUON COMPLEANNO ITALIA! Proprio in occasione dei festeggiamenti dell'Unità d'Italia, Ballarini e il blog Farina, lievito e fantasia hanno indetto un fantastico contest "150 anni in tavola". Si potrà partecipare con ricette tipiche delle proprio regioni e in palio ci sono dei bellissimi prodotti della linea Titanio della Ballarini.
    Corri a leggere il regolamento. Ti aspettiamo! http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/03/contest-150-anni-in-tavola.html

    RispondiElimina
  9. Yle complimenti davvero!!
    Questi bicchierini sono FA-VO-LO-SI!!
    E pure le foto davvero davvero belle!

    RispondiElimina
  10. ora controllo casomai la metto
    baci

    RispondiElimina