antipasti
fingerfood
primi secondi insalate
contorni
lievitati dolci

lunedì 10 marzo 2014

Paste di meliga



Biscotti tipici del cuneese reinterpretati da Montersino. Potevo non provarli? Tzè! Io amo i biscotti di ogni tipo e genere e prepararli mi rilassa tantissimo. Questi sono considerati tra i più buoni del libro sui Croissant e Biscotti del famoso maestro pasticcere. Si, confermo che sono fantastici. Croccanti, rustici, friabili, insomma troppo troppo buoni. Provateli!



Paste di meliga

Ingredienti (ho diminuito di 1/4 la dose originale):
150 gr di farina 180 W
150 gr di farina di mais giallo
150 gr di burro
150 gr di maltitolo (ho sostituito con normale zucchero semolato)
18,7 gr di tuorli
45 gr di uova
2,8 gr di lievito per dolci
3/4 di bacca di vaniglia Bourbon
0,75 gr di sale

Procedimento:
Amalgamare il burro morbido con il maltitolo utilizzando le fruste elettriche o la foglia della planetaria. Dopo aver ottenuto una crema liscia aggiungere le uova e i tuorli. Miscelare ancora e unire la vaniglia e il sale. Completare con le farine e il lievito setacciati insieme. 
Formare un panetto, schiacciarlo tra due fogli di carta. Lasciar riposare in frigorifero per 2 ore (la frolla sarà molto morbida, questo tempo è necessario). Lavorare la pasta "plastificandola" e spianarla su un piano cospargendo un pò di farina sia sopra che sotto. Stendere la pasta con un mattarello arrivando a 5 mm di spessore. Coppare con un tagliapasta liscio di 4,5 cm e forare il centro con un leva torsolo. Adagiare i biscotti su una teglia rivestita da carta da forno distanziandoli bene (contenendo del lievito aumenteranno un pò di volume). Mettere a raffreddare in frigorifero per 15 minuti. Cuocere in forno, già caldo. a 170°C per circa 10-12 minuti in modalità ventilata o 15-18 minuti in modalità standard. Lasciarli raffreddare totalmente prima di mangiarli.  



Note: ho usato farina con su scritto "polenta bergamasca" e suppongo sia farina di mais fioretto perchè so che la fumetto ha una grana ancora più fine, questa invece ha la consistenza del sale fine



Ed ecco altre versione con la stessa ricetta.




9 commenti:

  1. adoro montersino e adoro i biscotti con la fioretto per cui proverò!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  2. hai proprio ragione "biscottare" è terapeutico!
    e se poi si fà insiema a qualcuno ancora di più!
    Sai che ti pensavo l altro giorno? ma che fine avrà fatto la mia amica Yle? (scherzooooooooo!!)
    ahahah
    un bacione cara e buona settimana

    RispondiElimina
  3. biscottare, impastare e pasticciare è sempre terapeutico.. a me ad esempio scarica i nervi impastare... sarà per questo che ho sempre la tendinite? :O
    carinissime queste ciambelline ^_^

    RispondiElimina
  4. sono perfette,complimenti :)

    RispondiElimina
  5. adoro questi biscotti, li mangio sempre, ora provero' anche a farli.Hai ragione, impastare fa bene, io ho sempre le mani in pasta, cosi' cimentandomi in cucina, mi dimentico di tutto il resto. Un abbraccio ciao tati

    RispondiElimina
  6. bello conoscere le ricette tradizionali anche se rivisitate da un grande come montersino!

    RispondiElimina
  7. buonissimi, li ho preparati tempo fa anche io questi biscotti sono golosi e stuzzicanti

    RispondiElimina
  8. sono veramente stupendi e ... da provare assolutamente! Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Buone le paste di meliga.. Devo provarle.. Magari abbinate a un bel gelato alla crema.. Sn divine!!

    RispondiElimina