antipasti
fingerfood
primi secondi insalate
contorni
lievitati dolci

venerdì 1 aprile 2016

Lingue di suocera



Circa un anno e mezzo fa ho provato questa ricetta di Montersino per la prima volta e me ne sono subito innamorata, la croccantezza che dura per giorni, la fragranza, il profumo di grissini misto alla leggerezza dei crackers fanno si che da allora io, almeno una volta al mese, debba farli. Quando invito qualcuno a cena preferisco far questi che il pane. Non lasciatevi spaventare dalla presenza dello strutto, non è molta e aiuta tanto la consistenza finale, ma se proprio non volete usarlo andate pure di olio...




Lingue di suocera

Ingredienti per circa 6 teglie (da 6 pezzi per ognuno)
400 gr di farina 240 W (io 100 gr 180W e 300 gr 260 W)
200 gr di acqua
40 gr di strutto (se proprio volete sostituirlo usate olio)
20 gr di lievito di birra fresco (io 3 gr di lievito secco)
q.b. di semola di grano duro
q.b. di olio extravergine d'oliva
9,6 gr di sale

Procedimento:
In una ciotola stemperare il lievito nell'acqua, incorporare la farina e amalgamare bene fino a quando l'impasto prenderà consistenza (incordatura). Trasferire il tutto su una spianatoia. Aggiungere lo strutto e unirlo all'impasto. Terminare con il sale. (Io ho fatto tutto nella planetaria). Far puntare 20 minuti su un tavolo coprendo con una ciotola. Coprire l'impasto con pellicola trasparente e mettere a riposare in frigorifero per 18 ore. Tirar fuori e far lievitare fino al raddoppio del volume. Tagliare a pezzetti e passare nella sfogliatrice, devono essere sottili ma non troppo. Con una rotella tagliapasta liscia ricavare delle strisce dalla forma irregolare di 4-5 cm di larghezza, lunghe a piacere. Trasferirle in una teglia leggermente unta di olio, girarle in modo che l'olio vada anche dall'altra parte e spolverizzare con la semola. Far riposare 5-10 minuti e cuocere in forno a 230°C fino a completa doratura (5-6 minuti, modalità ventilata). Lasciar raffreddare e conservare in luogo asciutto.




Note: per una variante saporita aromatizzare le lingue di suocera, ancora crude, con spezie ed erbette, spennellarle di olio, spolverizzare con maggiorana, origano o cerfoglio, profumare con pepe. Piegare a metà e passare nella sfogliatrice. 

3 commenti:

  1. Ero passata per leggere la ricetta dei langaroli (che non conosco) poi ho visto queste lingue lunghe e non so perchè mi sono venute in mente numerose persone che conosco!!!!
    Bellissima ricetta grazie per averla condivisa!!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  2. Che splendida ricetta, l'ho già rifatta, li ho appena sfornati. Stranamente l'ho seguita passo passo senza cambiare nulla ... però la prossima volta penso che proverò a mettere meno lievito, 20 gr mi sembra davvero troppo, soprattutto per una lievitazione lunga!! Comunque complimenti, sono davvero ottime.
    Cristina

    RispondiElimina
  3. Favolose,le viste in un supermercato in Romagna e le ho fatte ma non postate sono una cosa spettacolare,grazie per la condivisione,buona domenica

    RispondiElimina